Fotoinserimento 2.PNG

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E SVILUPPO DEL PORTO DELLA SPEZIA - NUOVO MOLO CROCIERE

DATI

  • Luogo: La Spezia

  • Committente: ADSP del Mar Ligure Orientale

  • Prestazioni svolte: progettazione definitiva e esecutiva

  • Importo lavori: 49.385.000 €

IN BREVE

Il progetto di realizzazione del Nuovo Molo Crociere si pone come l’attuazione degli indirizzi programmatici e progettuali che il Piano Regolatore Portuale del Golfo della Spezia (PRP) prevede per il cosiddetto Ambito n°5 “Marina della Spezia”.

 

L’ Ambito Omogeneo 5 riguarda principalmente il raddrizzamento e l’ampliamento del Molo Italia e la realizzazione del Nuovo Molo Crociere (oggetto del progetto) a servizio della futura Stazione Marittima e si pone come una trasformazione d’uso e riqualificazione del waterfront urbano e del primo bacino, oggi interamente dedicato al traffico mercantile. Il nuovo molo crociere consentirà di ottenere nuovi accosti attrezzati da dedicarsi al traffico passeggeri, in sinergia con la parte del Molo Garibaldi che è già stata convertita a questo uso (banchina di ponente); la nuova banchina sarà realizzata in maniera completamente indipendente dalla banchina esistente di Calata Paita.

L’opera di nuova infrastrutturazione marittima è indispensabile per il potenziamento dell’offerta crocieristica della Spezia ed è infatti ricompresa nel più generale progetto di riqualificazione e conversione d’uso, in chiave turistica-ricettiva, del waterfront spezzino ed in particolare del primo bacino portuale.  Il progetto del nuovo molo crociere prevede la realizzazione di una nuova struttura di banchina a giorno, sovrastata da un piazzale multifunzionale, destinato a funzionare da hub di interscambio tra nave e terraferma; il piazzale sarà funzionale, in un primo momento, ad ospitare le funzioni primarie di sbarco (assieme all’attuale cruise terminal), per poi diventare la base su cui realizzare buona parte della Stazione Marittima. L’ impalcato della banchina è realizzato su cassoni cellulari in c.a. discontinui “a giorno”, ed è capace di garantire l’accosto di due navi da crociera di ultima generazione; allo stesso tempo, la nuova piattaforma è progettata per relazionarsi con la futura stazione marittima, prevedendo una piastra centrale su pali, così come descritto nel paragrafo dedicato alle strutture.

Gli interventi prevedono la costruzione di un impalcato orientato in direzione Nord–Sud lungo una linea mediana che forma un angolo di circa 50° con la Calata Paita; esso ha forma trapezoidale e si protende per quasi 400 metri nello specchio acqueo antistante la banchina.